sabato 28 luglio 2012

Gelato all’anice stellato affogato in acqua di pera e cubetti di caffè

Gelato all’anice stellato affogato in acqua di pera e cubetti di caffè

Adoro il gelato! Quando arriva l’estate non riesco a mangiarne meno di uno al giorno, e proprio recentemente dopo aver speso per l’ennesima volta i miei 15 euro di vaschetta in gelateria mi sono detta: perché non me lo faccio da sola? Poi arriva l’MTC, e puntualmente mi offre la sfida che fa proprio per me! E la fantastica Mapi ci regala la ricetta per fare un ottimo gelato in casa, anche senza gelatiera!

Un’idea molto vaga di quello che avrei fatto mi è venuta fin da subito, ma da lì è passato un mese per riuscire a realizzarla perché tra il lavoro, il mio gatto Mario da portare dal veterinario e l’arrivo di Nina, una gattina trovatella da accudire, non riuscivo mai a trovare il tempo per dedicarmi al mio gelato!

Ho deciso di fare un dessert digestivo, un gelato all’anice stellato affogato in acqua di pera, cannella e sambuca, con gelatina di caffè a dadini e cialdina alla cannella.

Gelato all’anice stellato affogato in acqua di pera e cubetti di caffè

Per il gelato ho seguito la ricetta base di Mapi del gelato alla vaniglia, sostituendo la vaniglia con l’anice stellato. L’acqua di pera non è altro che l’acqua di cottura della pera, aromatizzata con cannella e sambuca. I dadini di caffè sono stati fatti gelatinizzando del caffè espresso. La cialdina, invece, modificando leggermente la ricetta trovata nella confezione della mia nuovissima cialdiera per coni che desideravo da tanto e che finalmente ho avuto la scusa di comprare (e che mi sta dando già un sacco di soddisfazioni, guardate che coni, scusate se è poco!!)

Cialde e coni

Lista della spesa:

Per il gelato all’anice stellato (ricetta base di Mapi):

  • 300 ml latte fresco intero
  • 300 gr zucchero semolato
  • 250 ml panna fresca
  • 45-50 gr tuorli (da 3 uova grandi)
  • 10 gr anice stellato

Per l’acqua di pera:

  • 3 pere coscia
  • acqua q.b.
  • 2 bastoncini cannella
  • 2 cucchiai zucchero di canna
  • 1 bicchierino sambuca

Per la gelatina di caffè:

  • 125 gr caffè (moka da 3)
  • 40 gr zucchero semolato
  • 5 gr gelatina

Per le cialdine:

  • 75 gr margarina
  • 75 gr zucchero a velo
  • 75 gr latte
  • 160 gr farina
  • 1 pizzico cannella in polvere
  • 1 cucchiaio di acqua

GELATO

Per la ricetta ho seguito passo passo le indicazioni di Mapi per fare il gelato alla vaniglia senza gelatiera, usando però l’anice stellato al posto della vaniglia.

ACQUA DI PERA

Lava e sbuccia le pere, tagliando un pochino il fondo in modo da farle stare in piedi. Mettile in un pentolino con acqua fino a metà della loro altezza. Aggiungi lo zucchero di canna, la cannella e la sambuca. Porta ad ebollizione con il coperchio, quindi abbassa la fiamma. Le mie pere erano piccoline, quindi sono bastati 10 minuti di cottura. Per questa ricetta quello che ci serve è l’acqua che rimane dalla cottura delle pere, ma ovviamente le pere sono ottime da mangiare! Volendo si potrebbero anche servire nel dessert completo, posizionando un disco di pera sotto la pallina di gelato all’anice.

DADINI DI CAFFÈ

Metti ad ammollare la gelatina in acqua fredda. Prepara il caffè nella moka come di consueto, zuccheralo, aggiungi la gelatina e mescola bene. Versalo in una casseruolina rettangolare, o ancora meglio in uno stampo di silicone (per facilitare poi l’uscita della gelatina) e metti in frigorifero a raffreddare. Una volta solidificata la gelatina di caffè, sformala e tagliala a dadini.

CIALDINE ALLA CANNELLA

In un mixer monta la margarina fino a farla diventare chiara e cremosa. Aggiungi lo zucchero a velo poco alla volta. Quando sono ben amalgamati aggiungi anche il latte poco a poco. Incorpora anche la farina e mescola sempre con l’aiuto del mixer. Se vedi che l’impasto è troppo compatto, aggiungi un cucchiaio di acqua. Aromatizza con la cannella. Scalda la cialdiera e versa un cucchiaino di composto nel centro. Chiudi e cuoci per un paio di minuti al massimo. Quando la cialdina è dorata, arrotolala su se stessa. La cialda ci mette pochissimo a raffreddare e a seccarsi, diventando quindi presto impossibile da mettere in forma, per questo è meglio arrotolarla direttamente sulla cialdiera, ancora al caldo. Inoltre, per facilitare l’operazione e non scottarti, ti consiglio di indossare dei guanti di cotone.

COMPOSIZIONE DEL DESSERT

In un piatto fondo versa l’acqua di pera fredda di frigo. Al centro del piatto posiziona la pallina di gelato all’anice stellato. Disponi dei dadini di caffè tutt’intorno. Completa con una cialdina e servi immediatamente.

Gelato all’anice stellato affogato in acqua di pera e cubetti di caffè

Con questa ricetta partecipo all’MTC di Luglio di Menuturistico e Mapi:

12 commenti:

  1. Grandissima! Sempre proposte fenomenali! *_*
    Un bacione e buon fine settimana :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie!!! Un bacione, buon we!

      Elimina
  2. Ciao Bucci.
    Che delizia... Sei bravissima
    Tutto bene??? Ma sai che ho conosciuto alcune blog del Portogallo???? Mi ha fatto piacere...
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Thais!! Grazie mille!
      Che bello! Eu também quero conhecé-las!
      Um abraço

      Elimina
  3. Questo non è un gelato,bucci. E' una poesia.
    sono estasiata dalla leggerezza, dall'eleganza, dalla classe dei tuoi piatti- e questa volta, un pochino di più.
    Grazie per riuscire a "farcela", ad ogni MTC- e per regalarci ricette così.
    Un bacione
    ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Ale, davvero!!!! E di tutto, ma proprio tutto! Ogni mese sei tu che ci regali un'impresa sempre più difficile della precedente! E lo fai sempre al massimo! Un bacio grande,
      Bucci

      Elimina
  4. assolutamente complimenti.un gradne piacere di vedere ricette cosi'belle soprattutto ben costruite!bellissimo piatto

    RispondiElimina
  5. Parli di questo capolavoro con una leggerezza tale che sembra quasi si tratti di un'inezia, di robetta, una cosuccia da poco. E invece... e invece è arte pura, dentro ci sei tutta tu, la creatività, l'inventiva, la voglia di sperimentare e l'abilità di chi si muove in cucina con grande cognizione di causa.
    Una creazione commovente. :-9

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...