giovedì 30 agosto 2012

Salada de bacalhau com grão, insalata di baccalà con i ceci

Insalata di baccalà con i ceci

La salada de bacalhau com grão è un classico piatto freddo della cucina portoghese. Ne esistono diverse varianti, gli ingredienti di base immancabili sono ovviamente il baccalà e i ceci, ai quali si possono aggiungere a piacere diversi tipi di verdure, l’insalata fresca, le olive nere e la cipolla cruda o cotta. Questa è la mia versione, puoi servirla come piatto unico, ma anche come antipasto o come secondo.

Lista della spesa (per un antipasto per 2 persone):

  • 200 gr baccalà (250 gr già ammollato)
  • 150 gr di ceci cotti
  • 1 piccola cipolla rossa
  • 1 spicchietto di aglio
  • una decina di pomodorini (o due pomodori)
  • 2 peperoncini dolci
  • 1 cucchiaio prezzemolo tritato (o coriandolo fresco)
  • pepe
  • olio extravergine di oliva
  • limone o aceto per condire
  • sale all’occorrenza

Inizia almeno 24 ore prima perché è necessario ammollare il baccalà per dissalarlo. Cuoci il baccalà per 10 minuti in acqua bollente (non salata) con un filo di olio e un rametto di prezzemolo per profumare.

Taglia la cipolla e l’aglio molto finemente, versa un filo generoso di olio in una padella antiaderente e falli soffriggere a fuoco basso, aggiungendo anche una cucchiaiata di acqua di cottura del baccalà perché appassiscano bene. Taglia i peperoncini a rondelle e uniscili al soffritto, cuoci per qualche minuto.

Scola il baccalà, quando si è raffreddato togli la pelle e le lische e riducilo in scaglie passandolo pezzettino per pezzettino tra le dita, così da togliere tutte le spine.

Taglia i pomodorini a metà e mettili in una ciotola insieme ai ceci. I ceci devono essere tiepidi perché i sapori si amalgamino bene tra loro, quindi, se non lo sono già, scaldali per pochi secondi nel microonde. Aggiungi anche il soffritto di aglio e cipolla con i peperoni, il prezzemolo (o il coriandolo) tritato, il baccalà e condisci a piacere con l’olio extravergine di oliva, il pepe e un goccino di limone o aceto. Mescola bene, assaggia ed eventualmente aggiusta di sale.

Per preservare la pienezza dei suoi aromi, l’insalata deve essere servita tiepida o a temperatura ambiente, e comunque non fredda di frigorifero.

Puoi servirla come ho fatto io, sformandola in un piatto con l’aiuto di un coppapasta, con una fogliolina di insalata verde e una di prezzemolo per guarnire.

Insalata di baccalà con i ceci

mercoledì 15 agosto 2012

Torta Moto Kawasaki

per il battesimo del piccolo Samuele!

Ho realizzato questa torta per il battesimo di un piccolo centauro, che si può dire sia nato sulle due ruote!

La torta è a base di pan di spagna bagnato con la granatina, con un ripieno di crema chantilly al limone e frutti di bosco, ricoperta di pasta di zucchero. Le decorazioni sono tutte in pasta di zucchero addizionata di cmc, quindi interamente commestibili, compreso il parabrezza che è fatto con la gelatina!

Lista della spesa:

  • pan di spagna (tortiera da 20, con la dose a 4 uova perché venisse più alto)
  • crema chantilly aromatizzata con scorza di limone
  • 150 gr frutti di bosco
  • 50 ml sciroppo granatina + 300 ml acqua per bagnare il pan di spagna
  • 200 gr burro morbido
  • 200 gr zucchero a velo
  • aroma a piacere per la crema di burro (vaniglia, arancia, limone, fiori di arancio…)
  • pasta di zucchero verde acido per la copertura della torta e della base
  • pasta di zucchero verde Kawasaki per la moto
  • pasta di zucchero rossa, gialla, verde, nera, grigia e bianca per le altre decorazioni
  • colla edibile per applicare le decorazioni (cmc + acqua)
  • due fogli di colla di pesce, colorante azzurro e un fil di ferro sottile per il parabrezza
  • anello regolabile in acciaio per montare la torta

Decorazioni

Inizia con anticipo a preparare la moto, la scritta e il cespuglio verticale (ma non quelli sui bordi della torta che devono essere morbidi quando si applicano).

Per fare la moto ho preso ispirazione da alcune foto della moto dei genitori di Samuele, infatti come si può notare i particolari non sono molto precisi… poi anche a livello logico c’è sicuramente qualche cosa che non va… ma io non conosco le moto!!!

Parti dalle ruote, taglia un panetto di pasta di zucchero nera a cilindro usando una formina rotonda, poi disponi i due dischi verdi e grigi per fare i cerchioni. Incidi i copertoni con uno strumento per renderli più realistici.

Adesso puoi fare la struttura della moto, ti consiglio di stendere un panetto di pasta di zucchero verde dell’altezza dello spessore della moto, quindi di ritagliare con un coltellino a mano libera la forma della moto vista lateralmente. Conviene che la struttura sia tutta in un pezzo per essere sicuri che regga. Io ho fatto arrivare la carenatura fino a terra in modo che la moto avesse una larga base di appoggio, ma si poteva anche farla finire poco sopra alle ruote e creare un appoggio aggiuntivo da posizionare al di sotto, magari nero per essere meno visibile. Forma la sella e il sellino, e applicali con la colla edibile. Fai la parte anteriore della carrozzeria, alla quale applicherai i fari e il manubrio con gli specchietti. Aggiungi infine le forcelle e qualche dettaglio laterale per dare l’idea che ci sia un motore utilizzando della pasta di zucchero grigio chiaro mischiata con il nero in modo che si vedano le venature, per dare l’effetto della cromatura. Più dettagli aggiungi più sembrerà realistica, io sono stata un po’ scarsa, ho aggiunto solo i poggiapiedi e il tappino del serbatoio, perché avevo paura di esagerare visto che le proporzioni non erano proprio perfette… era la prima volta e sicuramente si può fare di meglio!! Però sono fierissima del mio parabrezza! Era la prima volta che facevo un esperimento di questo tipo con la gelatina, e non sarà sicuramente l’ultima, è stato molto divertente!

Per il parabrezza: Prendi un fil di ferro sottile e fai la forma del parabrezza (una forma ovale), quindi chiudila arrotolando il fil di ferro su se stesso. Ammolla un paio di fogli di colla di pesce in acqua fredda, strizzali e mettili in un pentolino sul fuoco bassissimo, aggiungi una goccia di colorante azzurro e lascia sciogliere bene. Lasciando il pentolino sempre sul fuoco molto basso, immergi il fil di ferro completamente dalla parte dell’”occhiello”, in modo che sia coperto sia sopra che sotto, sollevalo con delicatezza e controlla che la gelatina sia rimasta attaccata. È lo stesso procedimento che si usa per fare le bolle di sapone! Adesso puoi mettere ad asciugare la forma infilando il fil di ferro in un pezzo di polistirolo, per esempio. La gelatina ovviamente è molto di più di ciò che serve per questo proposito, però non si riesce ad utilizzarne di meno perché altrimenti il livello nel pentolino sarebbe troppo basso e non si riuscirebbe ad immergere il fil di ferro. Quindi puoi approfittarne per creare altre forme, come foglie o petali, con la gelatina restante.

Una volta che la gelatina sarà asciutta e ritornata dura, puoi staccarla dal fil di ferro, sbucciandola con delicatezza.

Applica il parabrezza sul lato frontale della moto, con una punta di colla edibile.

Torta

Prepara il pan di spagna e la crema chantilly, quando sono freddi inizia a montare la torta.

Prepara la bagna: unisci granatina e acqua e mescola. 

Taglia in quattro strati il pan di spagna. Dopo aver disposto il primo strato del pan di spagna sul disco precedentemente ricoperto con la pdz verde acido, posiziona un anello regolabile in acciaio intorno al pan di spagna e chiudilo della giusta misura. Distribuisci la bagna con l’aiuto di un pennello e farcisci il primo strato di pan di spagna con la crema chantilly e i frutti di bosco ben lavati, asciugati, e tagliati a pezzetti. Ripeti lo stesso procedimento con i successivi strati, bagna, crema, frutti di bosco e così via. Termina con l’ultimo strato di pds e bagna anche quello. Metti in frigorifero coperta e con un peso sopra per qualche ora a compattare, meglio tutta la notte.

Crema di burro

In un mixer monta il burro morbido e lo zucchero a velo, aromatizzati con qualche goccia di aroma, fino ad ottenere un composto liscio e bianco. Riempi una sac à poche con una bocchetta abbastanza piccola e ricopri con questa crema la torta interamente, senza lasciare nemmeno uno spicchio di pan di spagna scoperto. Con la spatola spiana tutta la superficie della torta, togliendo la crema di burro in eccesso, ma senza scavare troppo a fondo per non rimuovere parti di pan di spagna o crema. Una volta che la superficie è liscia e uniforme metti in frigorifero la torta a rapprendere. Quando la crema di burro diventa solida, aggiusta ulteriormente le imperfezioni e liscia bene.

Decorazione

Stendi la pdz verde acido e ricopri la torta. Liscia per rimuovere tutte le pieghe e le imperfezioni.

Stendi la pdz grigia e tagliala con due cerchi, uno più grande e uno più piccolo, per ottenere una striscia curva. Disponila sulla torta. Decora con le strisce bianche.

Stendi la pdz verde scuro e taglia i cespugli aiutandoti con delle formine rotonde di diverse misure, quindi posizionali lungo il bordo della torta.

Disponi la scritta e il cespuglio verticale, fissando sempre tutto con la colla edibile.

Visto che la torta doveva essere trasportata, io per sicurezza non ho messo subito la moto, in questi casi infatti è meglio appoggiarla all’ultimo per non rischiare cedimenti che potrebbero rovinare tutto il lavoro fatto!!

Torta moto Kawasaki

martedì 7 agosto 2012

Torta Reggae

Torta reggae con Bob MarleyHappy jammin’ birthday Lele!

Per il compleanno di mio cognato ho realizzato questa torta a base di pan di spagna bagnato con la granatina, ripieno di crema chantilly e frutti di bosco, ricoperta di pasta di zucchero. Anche le decorazioni sono realizzate interamente in pasta di zucchero. L’unica cosa non commestibile era il fil di ferro (alimentare) che sorreggeva le perline di pdz.

Lista della spesa:

  • pan di spagna (tortiera da 20, con la dose a 4 uova perché venisse più alto)
  • crema chantilly aromatizzata con scorza di limone e un tappino di rum
  • 150 gr frutti di bosco
  • 50 ml sciroppo granatina + 300 ml acqua per bagnare il pan di spagna
  • 200 gr burro morbido
  • 200 gr zucchero a velo
  • aroma a piacere per la crema di burro (vaniglia, arancia, limone, fiori di arancio…)
  • pasta di zucchero bianca per la copertura della torta e della base
  • pasta di zucchero rossa, gialla, verde e nera per le decorazioni
  • pasta di zucchero marrone, nera, rossa, gialla, verde e bianca per Bob (più del cacao da aggiungere a quella bianca per ottenere il color corda per il bongo)
  • colla edibile per applicare le decorazioni (cmc + acqua)
  • 3 fili di ferro alimentari
  • anello regolabile in acciaio per montare la torta

Decorazioni

Inizia con anticipo a preparare le decorazioni.

Bob Marley in pdz 

Bob: Io ho realizzato prima la testa e l’ho appoggiata sopra un bicchierino ad asciugare, poi il corpo, e solo dopo un paio di giorni ho posizionato ed incollato la testa sopra al corpo, in modo da essere sicura che il corpo si fosse indurito per bene e non soffrisse il peso della testa.

Inizia dalla testa, forma il viso, la bocca, crea il naso lavorando una pallina e due palline più piccole da posizionare ai lati, alle quali dovrai anche fare i buchini delle narici. Procedi con baffi e barba, e infine con i rasta, che non sono altro che rotolini di pasta di zucchero applicati alla testa, sempre con la colla edibile e l’aiuto di un pennellino. Fai anche la sigaretta e applicala alla bocca. Per il cappello forma degli anelli concentrici dei tre colori rosso, giallo e verde, applicandoli dal più grande al più piccolo direttamente sulla testa, fino ad arrivare all’ultimo che sarà un cerchio chiuso, al centro del quale posizionerai una pallina come pomello.

Per il corpo parti dal busto e dal fondoschiena sul quale appoggia il tutto. Ora che hai le misure del corpo puoi fare il bongo: crea un cilindro al quale applicare le corde (pdz bianca + cacao) e la membrana (pdz bianca + poco cacao).

Forma ora le gambe e modella i piedi, e così le braccia e le mani, che appoggerai poi sul bongo. Ma prima di attaccare le braccia conviene fare i pantaloncini e la camicetta. Per i pantaloncini ho steso della pdz verde e l’ho tagliata a cerchio con un coppapasta. Al centro del cerchio ho ritagliato un altro cerchio del diametro del busto di Bob. L’ho infilato nel busto e poco alla volta ho modellato i pantaloncini tagliando la pasta di zucchero in eccesso e facendoli aderire alle gambe. Per la camicetta ho fatto girare intorno al busto una striscia della giusta altezza di pdz rossa e l’ho congiunta sul davanti. Poi ho attaccato le braccia e formato le maniche con altre due fascette di pdz.

Adesso puoi avvicinare il bongo e appoggiare sopra le mani come se stesse suonando.

Un paio di giorni dopo applica la testa al copro e fissala con colla edibile.

Anni: Stampa un documento word con scritto il numero che ti interessa già della giusta misura e usalo come modello per intagliare della pasta di zucchero nera stesa molto spessa.

Perline: Forma delle palline rosse, gialle e verdi e infilale dentro ai tre fili di ferro leggermente bagnati di colla edibile sulla punta. Lascia asciugare e piega il fil di ferro a piacere.

Torta

Prepara il pan di spagna e la crema chantilly, quando sono freddi inizia a montare la torta.

Prepara la bagna: unisci granatina e acqua e mescola. 

Taglia in quattro strati il pan di spagna. Dopo aver disposto il primo strato del pan di spagna sul disco precedentemente ricoperto con la pdz bianca, posiziona un anello regolabile in acciaio intorno al pan di spagna e chiudilo della giusta misura. Distribuisci la bagna con l’aiuto di un pennello e farcisci il primo strato di pan di spagna con la crema chantilly e i frutti di bosco ben lavati, asciugati, e tagliati a pezzetti. Ripeti lo stesso procedimento con i successivi strati, bagna, crema, frutti di bosco e così via. Termina con l’ultimo strato di pds e bagna anche quello. Metti in frigorifero coperta e con un peso sopra per qualche ora a compattare, meglio tutta la notte.

Crema di burro

In un mixer monta il burro morbido e lo zucchero a velo, aromatizzati con qualche goccia di aroma, fino ad ottenere un composto liscio e bianco. Riempi una sac à poche con una bocchetta abbastanza piccola e ricopri con questa crema la torta interamente, senza lasciare nemmeno uno spicchio di pan di spagna scoperto. Con la spatola spiana tutta la superficie della torta, togliendo la crema di burro in eccesso, ma senza scavare troppo a fondo per non rimuovere parti di pan di spagna o crema. Una volta che la superficie è liscia e uniforme metti in frigorifero la torta a rapprendere. Quando la crema di burro diventa solida, aggiusta ulteriormente le imperfezioni e liscia bene.

Decorazione

Stendi la pdz bianca e ricopri la torta. Liscia per rimuovere tutte le pieghe e le imperfezioni.

Stendi la pdz rossa, gialla, verde e nera, taglia delle strisce dell’altezza di un centimetro e applicale alla base della torta.

Forma delle palline rosse, gialle e verdi da incollare tutt’intorno al numero, ti serviranno come supporto per sorreggere i fili di ferro! Fai una spirale in fondo ai fili di ferro, bagnali con della colla edibile, infilali nelle perline e quindi nella torta.

Disponi alche il tuo Bob Marley, e la torta è pronta!

sabato 4 agosto 2012

Torta Hamburger

Torta Hamburger

The red burger “...un blog...un frullatore di moda, eventi, negozi...in poche parole di idee!”. E la mia torta hamburger, preparata appositamente per l’occasione, ha avuto l’onore di partecipare ad un evento di questo bellissimo blog, che consiglio a tutti di andare a sbirciare!

È ufficiale, questa è l’ultima volta che preparo il cioccolato plastico e faccio una torta con il cioccolato plastico casalingo durante l’estate. Non mi viene bene, resta molle e untissimo, è impossibile da lavorare, difficile da stendere, e una volta sulla torta inizia a sudare… Non amo troppo la pasta di zucchero, ma credo che d’estate sia la soluzione migliore. Dalla foto si nota infatti che è molto lucido… insomma, non è il massimo da vedere. A proposito, chiedo scusa per le foto pessime, ma le ho fatte in frettissima e senza la giusta luce proprio perché ho visto che il cioccolato plastico era in sofferenza!

Parlando di contenuti… Si tratta di tre torte, il “panino” è fatto di pan di spagna bagnato con la granatina, farcito con crema chantilly e frutti rossi e ricoperto di cioccolato plastico. La “carne”, invece, è una torta brownies. Le decorazioni sono tutte fatte in pasta di zucchero.

Lista della spesa:

  • pan di spagna (2 dischi da 20, uno fatto con la dose a 3 uova, l’altro con 4 uova)
  • 200 gr frutti rossi misti (fragole, lamponi, ribes)
  • 50 ml sciroppo granatina + 300 ml acqua per bagnare il pan di spagna
  • 250 gr burro morbido
  • 250 gr zucchero a velo
  • aroma a piacere per la crema di burro (vaniglia, arancia, limone, fiori di arancio…)
  • cioccolato plastico color panino (marrone + arancione + giallo)
  • pasta di zucchero bianca, rossa, gialla e verde per le cipolle, i pomodori, il formaggio e l’insalata
  • pasta di zucchero verde acqua per la base, rossa per il cuore, pesca, azzurra e rosa per la scritta
  • una manciata di riso soffiato
  • sciroppo di zucchero per applicare le decorazioni
  • supporti per torte a più piani

Per la torta brownies:

  • 150 grammi cioccolato fondente a pezzetti
  • 110 grammi burro a temperatura ambiente a cubetti
  • 15 grammi cacao amaro in polvere nero
  • 200 grammi zucchero semolato
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 3 uova grandi
  • 95 grammi farina 00
  • 1 pizzico sale

Torta Hamburger

Decorazioni

Inizia con anticipo a preparare le decorazioni, così si asciugano all’aria.

Insalata: Stendi della pdz verde abbastanza fine e forma le foglie di insalata pieghettando le estremità.

Pomodori: Stendi della pasta di zucchero rossa dell’altezza di circa 5mm. Taglia con dei coppapasta rotondi dei cerchi di diverse misure. All’interno dei cerchi rimuovi dei triangolini di pdz per simulare l’interno del pomodoro.

Cipolla: Stendi la pdz bianca e tagliala ad anelli con l0aiuto di coppapasta di diverse misure. 

Formaggio: Stendi la pdz gialla e tagliala a quadrati.

Scritte e cuore: Come al solito uso il mio metodo del documento di word stampato con la scritta che mi serve e della giusta misura, e ritaglio con le forbici lettera per lettera, che uso poi come mascherine per intagliare la pdz. Anche per il cuore ho seguito lo stesso procedimento, prendendo la forma del cuore direttamente dal logo del blog.

Base della torta: Stendi della pdz verde acqua molto sottile e posala sopra al disco su cui servirai la torta. Ritaglia a filo con un coltellino o con una rotella. 

Brownies (ricetta presa da Joy of baking)

Accendi il forno ventilato a 180°.

Imburra una teglia da 20 cm di diametro e ricopri il fondo con un disco di carta forno.

Sciogli il cioccolato e il burro insieme nel microonde o a bagno maria. Aggiungi il cacao e lo zucchero. Unisci l’estratto di vaniglia e le uova, una alla volta, mischiando bene dopo ogni uovo. Incorpora la farina, il sale e amalgama il tutto.

Versa nella teglia e cuoci per 30-35 minuti, o comunque fino a quando inserendo uno stecchino nel centro della torta non uscirà con qualche briciola umida attaccata. Rimuovi dal forno e lascia raffreddare su una gratella.

Torta

Prepara il pan di spagna e la crema pasticcera, quando sono freddi inizia a montare la torta.

Prepara la bagna: unisci granatina e acqua e mescola. 

Taglia con un coltello il pan di spagna più alto in modo da formare una cupola, cercando di simulare la forma arrotondata del panino. Taglia quindi in tre strati entrambi i pan di spagna. Dopo aver disposto il primo strato del pan di spagna più basso sul disco precedentemente ricoperto con la pdz verde acqua, distribuisci la bagna con l’aiuto di un pennello. Farcisci il primo strato di pan di spagna con la crema chantilly e i frutti rossi ben lavati, asciugati, e tagliati a pezzetti. Ripeti lo stesso procedimento con i successivi strati, bagna, crema, frutti rossi e così via.

Su un vassoietto da 20 cm posa il primo disco del pan di spagna più alto e farcisci come per l’altra torta.

Crema di burro

In un mixer monta il burro morbido e lo zucchero a velo, aromatizzati con qualche goccia di aroma, fino ad ottenere un composto liscio e bianco. Riempi una sac à poche con una bocchetta abbastanza piccola e ricopri con questa crema le due torte interamente, senza lasciare nemmeno uno spicchio di pan di spagna scoperto. Con la spatola spiana tutta la superficie delle torte, togliendo la crema di burro in eccesso, ma senza scavare troppo a fondo per non rimuovere parti di pan di spagna o crema. Una volta che la superficie è liscia e uniforme metti in frigorifero le torte a rapprendere. Quando la crema di burro diventa solida, aggiusta ulteriormente le imperfezioni e liscia bene.

Decorazione

Dividi il cioccolato plastico color panino in due panetti. Stendi un panetto e ricopri la base. Liscia per rimuovere tutte le pieghe e le imperfezioni. Taglia tre supporti di plastica dell’altezza della base e infilali al centro della torta. Stendi poi l’altro panetto di cioccolato plastico e ricopri la cupola del panino.

Sopra al panino inferiore disponi un vassoietto della sua stessa misura o più piccolo in modo che non si veda. Posiziona  il formaggio e l’insalata, poi la torta brownies, sostenuta anch’essa con un paio di sostegni. Sopra al brownies decora con cipolla e pomodori, quindi disponi il panino superiore, insieme al suo vassoietto. Ora non resta che aggiungere il riso soffiato come se fosse sesamo!

giovedì 2 agosto 2012

Calamari alla Kozas

Calamari alla griglia ripieni di feta

Ovvero calamari ripieni di feta, peperoni, pomodorini e spezie, cotti sulla brace. Un piatto favoloso che visto lo strano abbinamento calamaro-feta aveva da subito attirato la mia attenzione tra gli altri piatti del menu del ristorante Kozas di Stegna, a Rodi. Mi è piaciuto talmente tanto che da allora in ogni grigliata di pesce che si rispetti non può mancare. E poi adoro rifare a casa i piatti che ho assaggiato in viaggio, mi permettono di riassaporare quei momenti, di ritornare per un attimo con la mente in quel posto e rivivere le sensazioni che ho provato.

Lista della spesa:

  • 2 calamari
  • 200 gr feta (ma dipende dalla dimensione dei calamari)
  • 1/2 peperone rosso
  • qualche pomodorino
  • pepe
  • olio extravergine di oliva
  • spezie e erbe a piacere (io origano e prezzemolo)

Accendi il forno a 220°. Inserisci il peperone tagliato in quarti e privato dei semi e dei filamenti, con il lato della pelle rivolto verso l’alto. Quando la pelle diventa scura e inizia a fare le bolle staccandosi dalla polpa immergi il peperone in acqua fredda per farlo raffreddare, quindi rimuovi la pelle. Taglia il peperone a dadini piccoli e metti da parte.

Pulisci i calamari, elimina le interiora, la cartilagine, le pinne laterali, gli occhi e il becco. Lava le sacche e i tentacoli sotto l’acqua corrente.

Taglia a pezzettini i tentacoli e falli cuocere per pochi minuti in una padellina con un goccino di olio extravergine di oliva.

Prepara il ripieno: in una ciotolina stempera la feta con la forchetta, condiscila a piacere con olio e pepe, aggiungi i peperoni, i pomodorini tagliati a dadini, i tentacoli saltati in padella e le spezie (niente sale! la feta è già salata abbastanza). Mescola il tutto e assaggia, se ti piace è pronto.

Riempi i calamari senza esagerare per evitare che scoppino, quindi chiudili con uno stuzzicadenti. Procedi con la cottura sulla griglia, che a seconda della brace e della distanza dalla brace richiederà tempi di cottura differenti.

Calamari ripieni sulla brace

Io li ho serviti come secondo, insieme ad una bella orata alla griglia, accompagnati da un’insalatina greca (misticanza, pomodorini, feta, olive e cucunci.

Calamari ripieni di feta con insalata greca

Mmm… sembrava di essere in Grecia!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...