lunedì 31 ottobre 2011

Cake pops, lecca-lecca di torta da mordere

cake pops

I cake pops, lecca-lecca di torta importati dagli States, una delizia per gli occhi e per il palato! Li ho visti in una fotografia e ho subito voluto sapere tutto su di loro e ovviamente non vedevo l’ora di provarli. L’incontro con questi bocconcini di torta avveniva proprio in concomitanza con il compleanno della mia amica, così mi sono detta: perché non prepararli per la sua festa? A posteriori ammetto che è stato un rischio, e in effetti ho passato momenti di sconforto totale quando vedevo che stava andando tutto male. L’impasto della torta non mi convinceva, la glassa che ho scelto di fare per ricoprirli non era la più adatta, il cioccolato bianco con il quale volevo ricoprirne alcuni si è abbrustolito nel microonde… Male male! Mancavano ormai poche ore alla festa e io avevo solo delle palline gocciolanti di glassa che non voleva rapprendersi, con le lacrime agli occhi stavo per mollare tutto e andare a prendere una torta nella più vicina pasticceria. E invece, da buona apprendente cuoca sull’orlo di una crisi di nervi, grazie al sostegno di mamma e suocera ho reagito e ci ho provato lo stesso. Perché, come dico io, anche una ciambella senza buco può avere il suo impiego! Per fortuna alla fine sono stati molto apprezzati, non certo da me, che alla fine di tutto ero talmente nauseata che non sono nemmeno riuscita ad assaggiarli! Vi spiegherò lo stesso come li ho fatti, così potremo capire insieme cosa va migliorato, cosa mantenuto e cosa no. Sicuramente li proverò a rifare, perché sono proprio originali, belli da vedere, sfiziosi, si possono fare di tutti i gusti e di tutte le forme, basta lasciarsi guidare dalla fantasia!

Lista della spesa per 25 cake pops:

Per la torta al cacao:

  • 250 gr di farina 00
  • 250 gr di zucchero semolato
  • 50 gr di cacao amaro
  • 100 gr di burro
  • 3 uova
  • 200 ml di latte
  • 1 bustina di lievito

Per i cake pops:

  • mascarpone o crema di formaggio preparata con 80 gr Philadelphia e 160 gr di zucchero a velo
  • un pezzetto di cioccolato da fondere (al latte, fondente o bianco)
  • decorazioni (amaretti, nocciole, caramelle colorate di zucchero ginevrine, scaglie di cocco)
  • stecchini da lecca lecca o spiedini di legno 
  • un blocco di polistirolo per la presentazione dei cake pops

Prepara la torta il giorno prima. Accendi il forno ventilato a 180°. Mescola le uova con lo zucchero, incorpora il burro ammorbidito fino ad ottenere un impasto cremoso. Aggiungi la farina, il lievito e il cacao setacciati insieme, e infine il latte. Versa in una teglia imburrata e infarinata e inforna per 30 minuti circa a 180°. Controlla la cottura facendo la prova stecchino, quando esce pulito la torta è pronta. Tirala fuori dal forno e lasciala raffreddare.

Sbriciola la torta con le mani in una ciotola. Ora devi aggiungere la crema che hai scelto per legare.  Io ho fatto metà impasto con il mascarpone e metà con la crema di Philadelphia per capire quale preferivo e ho preferito il mascarpone! Per fare la crema di Philadelphia basta unire 80 gr di Philadelphia a 160 gr di zucchero a velo e mescolare bene fino a quando diventa una crema omogenea. Questa crema ti potrebbe servire anche dopo per la decorazione dei tuoi cake pops! Si usa anche per decorare i cup cake al posto della glassa di burro, basta metterla in una sac à poche e guarnire come preferisci.  Non so dirti quanta crema di formaggio o mascarpone aggiungere, dipende dall’umidità della torta, io ne avrò messe due cucchiaiate. Comunque inizia mettendone poca, finché vedi che l’impasto diventa lavorabile con le mani e formando le palline non si sbriciola e rimane compatto. Forma delle palline di circa 4 o 5 cm di diametro, e posale su un vassoio coperto di carta da forno. Riponile in frigorifero a riposare per un’ora o in freezer un quarto d’ora.

Fondi il cioccolato nel microonde o a bagnomaria, immergi gli stecchini nel cioccolato fuso e poi infilali fino a metà delle palline, questo passaggio aiuterà a far aggrappare tra loro lo stecchino e la pallina di torta. Rimetti a raffreddare in frigo o freezer.

Nel frattempo prepara la glassa con la quale ricoprirai i tuoi cake pops! Io ho scelto di fare un topping al cioccolato che avevo provato qualche giorno prima seguendo la ricetta di Arabafelice: questa salsina mi era piaciuta talmente tanto che ho pensato sarebbe stata perfetta per i miei cake pops perché aveva un aspetto lucidissimo, molto scuro, e un sapore fantastico, per niente stucchevole. Purtroppo l’inconveniente è stato il fatto che essendo appunto più un topping che una glassa non rapprendeva abbastanza in fretta sui cake pops, continuava a gocciolare e dovevo restare troppo tempo su ogni pallina. Alla fine ho deciso di infilzare gli stecchini lo stesso nel polistirolo con i cake pops sgocciolanti, metterli in frigorifero e pulire poi gli stecchini uno per uno quando finalmente la glassa avesse deciso di combattere la forza di gravità e smettere la sua inesorabile discesa! Il risultato finale sono stati dei cake pops non croccanti fuori e con il cuore tenero, ma cremosi fuori e morbidi dentro. Quindi ti consiglio di non fare lo stesso errore e non utilizzare questo tipo di salsa come glassa per i cake pops, anche se alla fine sono piaciuti anche così, ti farebbe impazzire durante la preparazione!

La glassa più semplice da preparare e sicuramente priva di inconvenienti (a meno che non si decida di bruciarla in microonde come ho fatto io!) è il cioccolato fuso. Basta prendere una stecca di cioccolato (fondente, al latte, o bianco, o tutti e tre!), farla a pezzettini e lasciarla sciogliere a bagnomaria o pochi secondi in microonde. Rapprende in fretta e una volta che si solidifica rimane croccante. Io non ho voluto farli così perché il sapore del cioccolato in barretta non mi fa impazzire e quando rapprende non rimane lucidissimo come piace a me. La prossima volta proverò a fare una glassa di cioccolato a specchio, di quelle che restano lucidissime e croccanti.

Un altro tipo di copertura che puoi fare per i cake pops è lo zucchero fondente, perfetto sia bianco che dei più svariati colori che puoi ottenere facilmente con l’aggiunta di coloranti. Questa volta non mi sono cimentata nel prepararlo, ma presto arriverà anche quello!

Il procedimento sarebbe comunque questo: prepara la glassa e quando è ancora fluida immergi le palline a testa in giù, tirale fuori e falle roteare facendo colare la glassa in eccedenza. Dai dei colpetti sulla mano e quando non gocciolano più infila gli stecchini verticalmente in un blocco di polistirolo e mettilo in frigorifero, così la glassa si rapprenderà uniformemente senza entrare in contatto con altre superfici. Se vuoi decorare le palline con una granella (di nocciole, caramelle tritate, scaglie di cocco…) allora cospargi uniformemente la granella sulla superficie della pallina appena dopo averla immersa nella glassa e lasciata sgocciolare, così si rapprenderanno insieme. Se invece vuoi decorare i tuoi cake pops per esempio con la crema di Philadelphia o con il cioccolato allora fallo in un momento successivo, quando la glassa si sarà già rassodata. Prepara una sac à poche con la carta forno come spiegato qui, riempila con la crema, fai un buchino stretto e adorna a piacere.

Per la presentazione io ho infilato i cake pops ad altezze differenti in una mezza sfera di polistirolo, di quelle che si usano per i decori natalizi. In alternativa puoi usare un qualunque blocco di polistirolo che di solito trovi negli imballi, o ancora una scatola di cartone.

E ora i miei dubbi su questi cake pops… a parte la glassa che non era quella giusta, e questo lo abbiamo capito, mi ha lasciata perplessa anche l’impasto all’interno. Mi sembrava troppo pastoso in bocca, ma ho paura che sia una conseguenza necessaria dell’aggiunta della crema di formaggio e del successivo appallottolamento… Perché la sofficità tipica di una torta margherita o di un pandispagna è dovuta all’incorporamento di aria all’interno dell’impasto e se noi andiamo a schiacciarlo e maneggiarlo troppo questa aria viene persa e l’esito è un impasto più compatto e gommoso. Ma questo è un mio pensiero, correggetemi se sbaglio! Detto ciò mi chiedo come si possano invece ottenere dei cake pops soffici e leggeri proprio come una torta margherita, anche se più umidi. Lascio aperta questa questione e chiedo aiuto a chi ne sa più di me, sperando un giorno di riuscire a realizzare i cake pops perfetti, almeno per me!Cake pops

6 commenti:

  1. Ma sono comunque bellissimi!!!
    Quella glassa che hai scelto non e' la piu' adatta perche' non rassoda abbastanza, ma poco male, dalla foto non si direbbe assolutamente
    :-)

    RispondiElimina
  2. @arabafelice
    Grazie mille! È vero, sono venuti proprio belli, e anche se la glassa è stata difficile da gestire con i cake pops, è talmente buona che anche da mangiare non erano niente male a detta di tutti!

    RispondiElimina
  3. Carissima, dietro tuo invito eccomi qui...Credo che per la copertura la cosa migliore è usare del cioccolato di ottima qualità. Un cioccolato specifico, detto "da copertura" con un alto valore in burro di cacao. Si trova nei negozi specializzati in cioccolato. Se lo vuoi lucido e croccante, devi necessariamente temperarlo. Io unisco in più del burro di cacao quando lo fondo per avere maggiore fluidità e quindi una copertura liscia omogenea e croccante.Unendo del burro di cacao puoi anche evitare il temperaggio....
    Per l'interno...Qui il discorso sarebbe lungo: i cake pops con ricetta fedele alla tradizione, prevedono torte un po' pesanti sul tipo del ciambellone nostrano. Hanno nomi differenti ma la sostanza è quella. Il legante spesso è una crema a base di zucchero e burro e formaggio cremoso.
    Buono ma credo come dici tu forse un po' troppo pesante e poco soffice. Prova come faccio io con il Pan di Spagna e una crema al burro soffice e cremosa. Secondo me l'effetto gommso che tu lamenti non ci sarà. E poi non vanno serviti freddi ma a temperatura ambiente, in modo che gusto e morbidezza possano esaltarsi.
    Infine per i decori non userei mai elementi che rimangono freschi e cremosi. Nessuno ad una festa vuole sporcarsi o sporcare qualcosa. Per cui utilizzare sempre o cioccolato o ghiaccia reale che asciugano e non sporcano!

    In ogni caso i tuoi sono allegri e divertenti come in realtà dovrebbero essere.
    CIAO!!!

    RispondiElimina
  4. ottimi consigli ,oggi provero a fare i miei primi cake pops.
    Io abito a milano qualcuno mi sa dire dove trovo il burro di cacao,per favore? ho provato tante volte a temperare il cioccolato ma non riesco bene.
    Grazie a tutti

    RispondiElimina
  5. Gnamme!!! che bontà..complimenti :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...